L'Afd corre: ora è il secondo partito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:21

Polemiche e accuse non fermano l'Afd. Il partito di estrema destra guidato da Alexander Gauland e Alice Weidel sarebbe oggi la seconda forza politica della Germania

Il sondaggio

Il dato emerge dal sondaggio Infratest pubblicato questa mattina. La compagine, se si votasse oggi, otterrebbe il 18% dei suffragi, un punto sopra i socialdemocratici della Spd, ferma al 17%. Un capovolgimento del trend rispetto al Politbarometer di meno di una settimana fa, quando l'ultradestra populista era risultata in calo e i socialdemocratici in crescita di due punti. Per di più, sempre secondo Infratest, la Grosse Koalition tra Cdu/Csu e Spd oggi non avrebbe più la maggioranza, fermandosi al 45% dei consensi complessivi, dato che l'Unione dei cristiano-democratici di Angela Merkel e i cristiano-sociali di Horst Seehofer si fermano al 28%: il peggior risultato dal 1997. I Verdi, invece, si posizionano al 15%, la Linke si ferma al 10% e i liberali dell'Fdp non superano il 9%. 

Analisi

L'opinione degli esperti è unanime: a causare tale smottamento è stata la gestione del “caso Maassen“, il capo del servizio d'intelligence interno Bfv rimosso dal suo incarico per le sue “simpatie” verso l'ultradestra e per le sue controverse dichiarazioni dopo i fatti di Chemnitz – culminate con una “caccia all'immigrato” e altri episodi di violenza da parte di frange neonazi – e contestualmente “promosso” a sottosegretario degli Interni proprio con la delega per la sicurezza.

Gradimento

A livello di popolarità personale, calano drasticamente i valori per il ministro degli Interni Seehofer, che aveva sostenuto Maassen: solo il 28% dei tedeschi lo ritiene all'altezza del suo incarico. Tra gli elettori di Cdu e Csu, solo il 31% è favorevole a Seehofer, mentre nello scorso aprile era considerato un buon ministro dal 45% degli elettori cristiano-democratici e cristiano-sociali. Alle elezioni federali di un anno fa, quando è entrata per la prima volta nel Bundestag, la Afd aveva ottenuto il 12,6%.

Verso il voto in Baviera

Per quanto riguarda la sola Baviera (dove si voterà per il rinnovo del Landtag il 14 ottobre), la Csu – che cinque anni fa aveva ottenuto la maggioranza assoluto con il 47,7% – non riesce a sollevarsi dal record negativo, fermandosi al 35% dei consensi. Continua invece l'ottima performance dei Verdi, che arrivano al 18%, mentre la Spd risulta in lieve crescita al 13% confermandosi terza forza politica nel Land. In controtendenza al dato nazionale, è invece in calo la Afd, ferma al 10%. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.