LA TEMPESTA ERIKA MIETE DECINE DI VITTIME. DISTRUTTA DOMINICA, ALLERTA IN FLORIDA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:38

“E’ con il cuore pesante che mi rivolgo a voi, l’estensione della devastazione è monumentale, praticamente dobbiamo ricostruire Dominica”. Sono le parole, drammatiche, pronunciate dal primo ministro dell’isola caraibica, Roosevelt Skerrit, in un discorso televisivo ai suoi concittadini. La tempesta tropicale Erika sta provocando danni incalcolabili: distrutte centinaia di case, ponti, strade. E poi ci sono i morti: almeno 30 quelli accertati, 31 i dispersi. Tra le vittime, tre famiglie sepolte vive da una frana che a causa dalle piogge torrenziali ha travolto le loro case.

Ma il bilancio del passaggio distruttivo è destinato ad aumentare. Erika si è spostata verso Santo Domingo dove sono state evacuate 7.300 persone e 823 casa sono state danneggiate. Secondo le previsioni del National Hurricane Centre degli Stati Uniti, che monitora gli uragani nell’area, Erika raggiungerà l’isola di Hispaniola, condivisa da Haiti e la Repubblica Dominicana. I rilievi montuosi dell’isola ne divrebbero però ridurre l’intensità. In Florida, dove è attesa per domani, il governatore Rick Scott ha comunque dichiarato lo stato di emergenza esortando la popolazione a fare scorte di acqua, cibo e carburante.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.