La Regina di Giordania: l’Isis distorce la visione del mondo arabo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Basta con gli stereotipi sul mondo arabo creati dai militanti islamici: a dirlo è la Regina Rania di Giordania, con un intervento sorprendente, fatto dal pulpito del Media Summit di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti. “Una minoranza di estremisti religiosi è particolarmente efficiente nello sfruttamento dei social network per ridefinire la nostra identità – ha spiegato la Regina – diffondere informazioni infondate e dirottare l’Islam lontano dalle sue radici”.

Le immagini cruente di torture e decapitazioni, sapientemente divulgate con fini di terrorismo dalle organizzazioni criminali “non ci rappresentano”: così Rania ha ammonito il mondo dei media da Abu Dhabi. Il mondo arabo, ha detto la Regina di Giordania, deve reagire a tutto questo: restare in silenzio significa “rendesi complici dell’Isis”.

“Sebbene Osama Bin Laden sia morto – ha detto Rania – la sua ideologia è ancora più viva e pericolosa che mai e può creare danni enormi”. Per concludere, la sovrana ha invitato i giovani arabi a postare sul proprio profilo Facebook un’immagine positiva del loro mondo, della loro vita reale e della loro cultura: “Dobbiamo creare una nuova storia e trasmetterla a tutti. Perché se non decidiamo quale sia la nostra identità e quale sarà la nostra eredità, gli estremisti lo faranno per noi”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.