La polizia: “Terrorismo?
Non ci sono prove”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:28

AFlinders Street, nel pieno centro di Melbourne, un suv è piombato contro i pedoni, provocando 14 feriti di cui alcuni in condizioni gravi. L'uomo alla guida, un cittadino australiano di origini afgano, è stato subito arrestato. Poco dopo un altro uomo è stato fermato dalla polizia che ha parlato di un “atto deliberato“, di cui però al momento non si conoscono le motivazioni. Qualcosa di più se si saprà solo dopo l'interrogatorio dei due. Secondo le forze dell'ordine, al momento, non ci sono prove che si sia tratto di un attacco terroristico. L'autista, infatti, avrebbe problemi psichici e di tossicodipendenza. 

Dinamica

Sul suo account Twitter la polizia ha chiesto a tutti, auto e passanti, di evitare la zona dell'incidente. Il suv che “falciava chiunque si trovasse davanti, le persone venivano sbalzate via” ha raccontato un testimone. Un'altra persona presente ha riferito che “l'incidente sarà durato circa 15 secondi“. “L'auto è passata con il rosso a tutta velocità e poi è stato solo bang, bang, bang. Uno dopo l'altro. C'erano persone stese a terra ed altre che cercavano di aiutarle. Un caos“, ha detto. Federica Viezzoli, 40 anni, di Trieste, ha visto il suv guidato da un uomo con la lunga barba nera “fracassare le persone”. “Ho sentito il rumore delle ossa che si frantumavano” ha detto al New York Times.  L'incrocio tra Flinders ed Elizabeth Street è uno dei più trafficati della città australiana, soprattutto durante le feste di Natale e all'ora in cui l'incidente è avvenuto, alle 16.30. Secondo testimoni, al momento del passaggio del suv per strada c'erano tra le 40 e le 60 persone.

Reazioni

“Mentre polizia e agenti di sicurezza lavorano assieme per rendere sicura tutta l'area e indagano su questo incidente scioccante – ha tweettato il premier australiano Malcom Turnbull  –  i nostri pensieri e le nostre preghiere sono per le persone ferite e per i soccorritori che le stanno aiutando”. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.