“LA NATO E’ PRONTA A COMBATTERE MOSCA”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:01

La Nato si sta preparando a un possibile confronto con Mosca. Lo afferma uno studio dell’European Leadership Network (Elm), un think tank di Londra, che ha analizzato le esercitazioni militari condotte dalle due parti nell’attuale situazione di tensione causata dalla crisi ucraina. La conclusione dell’Eln è che “la Russia si sta preparando ad un conflitto con la Nato e la Nato si prepara per un possibile confronto con la Russia”.

L’Allenza Atlantica ha però respinto questa interpretazione. Lo studio dell’Eln riguarda le esercitazioni condotte in giugno dalla Nato il Polonia e nei Paesi baltici, con 15mila uomini, e quelle effettuate a marzo dalla Russia con 80mila uomini. Secondo il rapporto, entrambe le parti “hanno in mente le capacità dell’altra e probabili piani di guerra. Il cambiamento di profilo delle esercitazione è un fatto e svolge un ruolo nel mantenere l’attuale stato di tensione”:

le due parti, afferma lo studio, possono anche dire che si tratta di passi difensivi, ma così facendo si rischia di incoraggiare un pericoloso circolo vizioso di azioni e reazioni, aumentando il rischio di scontri militari. Per questo, l’Eln consiglia una migliore comunicazione tra Russia e Nato durante le esercitazioni e un’attenta valutazione dei vantaggi e i rischi dell’attività militare vicino ai confini. L’Alleanza Atlantica ha respinto nettamente questa interpretazione. “Le esercitazioni Nato non rendono, come suggerisce il rapporto, più probabile la guerra in Europa – ha detto la portavoce Carmen Romero – intendono avere l’effetto contrario: vogliono rafforzare la sicurezza e la stabilità in Europa di fronte alla crescente aggressione russa”.

Le manovre militari russe, ha aggiunto la Romero, vanno invece “ben oltre” quelle della Nato nell’ampiezza e gli obiettivi e “aumentano le tensioni nella regione”. La portavoce ha aggiunto che l’Alleanza Atlantica continua a mantenere i canali di comunicazione con Mosca e la trasparenza sulle proprie manovre. A riprova di questo atteggiamento, la Romero ha sottolineato che alle prossime esercitazioni Nato – previste in Spagna, Italia e Portogallo fra il 3 ottobre e il 6 novembre – saranno invitati osservatori russi e di altri Paesi fuori dalla Nato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.