Kurz: “Rafforzare Frontex e difendere le frontiere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:26

Quello della ricollocazione dei migranti non è l'unico problema da affrontare nella gestione dell'immigrazione. Occorre, parallelamente, rafforzare Frontex e proteggere le frontiere esterne. Lo ha detto il cancelliere austriaco, Sebastian Kurz durante una conferenza stampa al prevertice del Partito popolare europeo.

Il nodo frontiere

Il capo del governo di Vienna, facendo riferimento ai Paesi di sbarco, in particolare Italia, Spagna e Grecia, ha detto “che molti Paesi sono preoccupati che il rafforzamento di Frontex significhi un aumento delle registrazioni” di migranti e dunque che ci sia per loro una perdita di sovranità. “Ma se si vuole trovare un accordo bisogna proteggere le frontiere esterne – ha aggiunto – Frontex va rafforzata, dobbiamo appoggiare la proposta del presidente Juncker di aumentare i funzionari dell'Agenzia a 10 mila entro il 2020″.

In mattinata in una intervista al quotidiano Der Standard, Kurz aveva detto che “Italia, Spagna e Grecia sono riluttanti a rendere l'Agenzia europea delle guardie di frontiera una forza che potrebbe schierare la sua forza lavoro alle frontiere dell'Ue, ma l'Austria sosterrà questa proposta al vertice di Salisburgo. Alcuni Paesi membri sono ancora un po 'scettici” sull'estensione del mandato dell'Agenzia europea per la protezione delle frontiere, ma dobbiamo convincerli”.

Migranti e non solo

Il vertice di Salisburgo si apre quindi  con la cena dei leader. Il presidente del consiglio Ue, Donald Tusk, riferirà ai leader dei colloqui avuti assieme a Kurz con il presidente egiziano Al Sisi al Cairo e ribadirà l'ipotesi di organizzare un summit Ue-Lega Araba. Al termine della cena la parola passerà a Theresa May che riferirà ai colleghi su Brexit, tema che il Consiglio affronterà domani durante il pranzo nel formato a 27.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.