Kenya, ritirate le accuse per crimini contro l’umanità del presidente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

Il procuratore della Corte Penale Internazionale, Fatou Bensouda, ha ritirato ogni accusa di crimini contro l’umanità ai danni del presidente keniano, Uhuru Kenyatta, il primo capo di Stato, e per di più in carica, a comparire davanti alla Corte dell’Aja. Kenyatta era accusato delle violenze post-elettorali in Kenya che, tra la fine del 2007 e l’inizio del 2008, provocarono oltre 1.000 morti e 600 mila profughi. “Le prove raccolte – ha scritto il procuratore – non sono riuscite a confermare le presunte responsabilità di Kenyatta oltre il ragionevole dubbio. Per questa ragione sono state ritirate le accuse a suo carico”. Già all’epoca della prima udienza, il suo legale Steven Kay si diceva sicuro del proscioglimento: “Questo processo è un fallimento, non ha portato a nulla. Non c’è la minima possibilità che vada avanti”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.