Juncker: “No al nazionalismo, porte aperte all'immigrazione legale”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:53

L'Europa deve restare un continente di apertura e tolleranza, non sarà mai una fortezza in un mondo che soffre, non sarà mai un'isola, resterà multilaterale, il pianeta non appartiene a pochi”. Jean-Claude Juncker, dopo le polemiche che lo hanno investito nelle ultime settimane dapprima per le immagini diffuse durante il vertice Nato e poi per la sua volontà di mantenere per tutto l'anno in Europa l'ora legale, leva alta la sua voce contro il nazionalismo e le frontiere chiuse nel discorso sullo stato dell'Unione alla Plenaria a Strasburgo. L'invito del lussemburghese è a dire “no al nazionalismo che distrugge e cerca colpevoli anziché cercare soluzioni”. Ma come gestire il fenomeno dei flussi migratori? “Oggi propongo un rafforzamento della guardia costiera e di frontiera europea – ha detto – fino a 10mila unità da qui al 2020 ed un'agenzia europea per l'asilo”. E ancora, secondo lui “dobbiamo aprire delle vie di migrazione legale per l'Europa, abbiamo bisogno di migranti qualificati, le proposte della Commissione ci sono da tempo, vi invito a utilizzarle”.

Nel corso dell'intervento ha definito l'Ue come il “guardiano della pace” e lancia un monito: dovremmo, afferma, “smettere di trascinare il suo nome nel fango”. L'appello di Juncker è a rafforzare l'Europa sullo scacchiere internazionale: “Dobbiamo diventare di più un attore globale” perché “le sfide esterne si moltiplicano”. E sul futuro di questa commissione – il cui mandato scade nel 2019 – ha detto: “Lavoreremo nei prossimi mesi per garantire che la nostra imperfetta Unione europea diventi ancora più perfetta giorno dopo giorno”. Juncker ha quindi parlato della possibilità di allargare i confini dell'Ue: “Gli allargamenti per me restano successo, abbiamo conciliato geografia e storia, ma restano sforzi da fare. Dobbiamo definire in modo definitivo l'adesione dei paesi dei Balcani occidentali altrimenti gli altri si assumeranno compito di dare forma ai nostri vicini”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.