Irlanda, gli exit-poll: testa a testa fra moderati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08

In attesa che si voti nella stragrande maggioranza dei Paesi eruopei, in Irlanda arrivano i primi exit-poll, sia sul voto per l'Europarlamento che per le elezioni locali, oltre che per un referendum sulla riduzione delle tempistiche per la pratica del divorzio. Una giornata intensa a livello elettorale che, per quanto riguarda il futuro europeo, in Irlanda come nei Paesi Bassi ha confermato una tendenza verso i partiti moderati: le urne irlandesi, stando ai primi dati, hanno riservato un testa a testa fra il Finn Gael (Ppe) del premier Leo Varadkar e il Fianna Fail (Alde), guidato da Michael Martin. Entrambi gli schieramenti si aggirano sul 23% delle preferenze, staccando nettamente le altre forze in campo, a cominciare dal Sinn Fein, calato di tre punti e dato al 12%. Grande risultato, invece, per i Verdi: il Cg guadagna sensibilmente terreno rispetto alle precedenti elezioni, portandosi dall'1,6% al 9%. Fermi al 6% i laburisti.

Un Paese europeo

Dati provvisori che, in qualche modo, potrebbero sostanzialmente confermare quella che era stata la distribuzione dei seggi nel 2014, a eccezione del Sinn Fein (al quale ne erano andati 4, gli stessi del partito di Varakdar). A ogni modo, per avere conferme in questo senso bisognerà attendere i dati ufficiali: l'andazzo, comunque, conferma quanto accaduto anche nei Paesi Bassi, dove i partiti euroscettici avevano avuto vita dura a favore di un'inaspettata ascesa dei laburisti e a dispetto di quelli che sono stati i sentori che hanno accompagnato questa campagna elettorale. Particolarmente caldo in Irlanda (dove i sondaggi hanno mostrato la stragrande maggioranza della popolazione a favore dell'Europa e delle garanzie che essa comporta) il tema della Brexit, inveitabilmente al centro della scena politica per il rischio esistente del ripristino di una frontiera chiusa con l'Irlanda del Nord in caso di fallimento dell'accordo sul backstop, che andrebbe a far crollare tutta la diplomazia che portò agli accordi del Venerdì Santo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.