Iraq, sono 600 i jihadisti uccisi dall’inizio di novembre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:10

I jihadisti uccisi in Iraq dall’inizio di novembre dai raid della coalizione internazionale (Usa in testa) sarebbero circa 600.  A riferirlo un comunicato del ministero della Difesa iracheno ripreso questa mattina dalla stampa panaraba. Il computo si riferisce ai bombardamenti aerei nelle regioni centro-occidentali irachene di Anbar e Salah ad Din.

 Le forze armate irachene hanno recuperato i corpi di 380 dei ribelli uccisi  scrive il quotidiano al Arabi al Jadid edito a Londra con fondi del Qatar – e sono in corso per molti di loro le operazioni di identificazione. Per ora sono 26 i Paesi di origine dei jihadisti: 11 Paesi sono a maggiorana musulmana, gli altri sono Paesi asiatici o europei.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com