Iraq: milioni in piazza ricordano l’Imam Hussein, un modello contro la tirannia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:06

Milioni di fedeli sciiti sono scesi in piazza per la festa sacra dell’Arbain nella città di Kebala a sud di Baghdad. Con tutto che il rischio attentati, da parte degli jihadisti del sedicente Stato Islamico era alta, sono stati tantissimi a voler celebrare il 40esimo giorno dell’anniversario del martirio di Imam Hussein, il terzo imam sciita e il santo nipote del nobile profeta Maometto.

La questione della sanguinosa insurrezione dell’Imam Hussein è un perfetto modello e un completo programma di resistenza ed opposizione ad ogni forma di tirannia, oppressione e dispotismo. L’esempio del “Signore dei Martiri”, Hussein, e dei suoi fedeli compagni, ha sempre incrementato nei suoi seguaci la voglia di combattere e sconfiggere gli empi e i tiranni in Iran, durante la Rivoluzione Islamica.

Il pellegrinaggio, ha sottolineato il ministro della difesa iracheno, è stato un grande successo: “E’ un dato eccezionale e una sfida alle bande terroriste dell’ Isis”. Un pellegrino afferma: “Abbiamo lasciato il lavoro per venire qui, Isis deve capire che gli iracheni sono potenti e combatteranno contro tutti i terroristi. La volontà di dio ci ha uniti e noi vinceremo”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.