IRAQ: ARMI CHIMICHE CONTRO I CURDI NEGLI ATTACCHI DEL CALIFFATO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:00

I miliziani dello Stato Islamico sarebbero in possesso di gas vescicante come l’iprite, meglio noto come “gas mostarda” che i jihadisti avrebbero usato contro i peshmerga curdi dell’Iraq, nell’attacco condotto lo scorso mercoledì vicino alla città di Makhmour, 50 chilometri da Irbil. Lo riferisce il Pentagono dopo che il portavoce del ministero della Difesa tedesco ha confermato la possibilità di uso di armi chimiche da parte dei miliziani: molti tra i combattenti curdi hanno sperimentato in seguito all’offensiva dello Stato Islamico seri problemi respiratori.

La notizia è stata diffusa dal Wall Street Journal dove viene sottolineato che non si tratterebbe della prima volta che l’Isis riceve accuse simili: già a gennaio 2015 il governo curdo aveva dichiarato di essere in possesso di prove sull’utilizzo di cloro in un attentato degli uomini di al Baghdadi.

L’uso di iprite però indicherebbe una crescita ed un miglioramento delle capacità di combattimento del Califfato sul campo di battaglia. Inoltre, secondo alcune fonti citate dal quotidiano americano, l’Isis avrebbe ottenuto il gas mostarda in Siria, dove il governo ha ammesso di averne a disposizione grandi quantità nel 2013, quando si è accordato” per demolire il suo arsenale di armi chimiche. Nell’attacco con “il gas mostarda” dello scorso mercoledì non ci sarebbero vittime, ma i combattenti avrebbero riscontrato problemi fisici, dolori, mobilità limitata difficoltà respiratorie.

 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.