Iran, il ministro russo Lavrov: “Le sanzioni Usa sono irresponsabili. Mettono a rischio l’equilibrio del patto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:37

Le sanzioni unilaterali varate dagli Stati Uniti ai danni dell’Iran sono “irresponsabili” e mettono a rischio “l’equilibrio dell’accordo” sul nucleare. E’ quanto ha dichiarato il ministro degli esteri russo, Serghei Lavrov, citato dall’agenzia di stampa di Interfax. “Spero – ha dichiarato il ministro – che l’Iran non si ritiri dall’accordo e che gli Stati Uniti onorino i propri obblighi”. Inoltre, Lavrov ha affermato che “il finanziamento del programma missilistico, in generale, è un affare dell’Iran, al quale non è vietato avere un programma missilistico, su questo non esistono divieti legali nella risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu”.

L’Iran minaccia di riavviare il  programma nucleare

L’escalation della crisi diplomatica tra Iran e Stati Uniti è iniziata quando il Congresso statunitense ha deciso di approvare delle nuove sanzioni nei confronti di Teheran. Lo scorso 15 agosto, il presidente Hassan Rouhani ha avvertito l’amministrazione Usa di essere pronto a riavviare il programma nucleare entro poche ore se le minacce e le sanzioni contro il suo Paese continuassero. “L’esperienza fallita delle sanzioni e della coercizione ha portato la precedente amministrazione al tavolo dei negoziati. Se vogliono tornare a quella esperienza, in poco tempo — non mesi o settimane, ma entro giorni o ore — torneremo alla precedente situazione“, ha detto Rouhani, che ha spiegato come il programma potrebbe essere riportato rapidamente a un livello “più avanzato” di quello raggiunto nel 2015, quando l’Iran firmò l’accordo sul nucleare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.