INDIA, IL TAMIL NADU SFIDA GLI IMPRENDITORI: INVESTIRE 250 MILIARDI IN OTTO ANNI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Raccogliere nei prossimi otto anni 250 miliardi di dollari da investire nei settori chiave dell’economia. E’ la sfida che lo Stato meridionale indiano di Tamil Nadu ha lanciato al mondo imprenditoriale nazionale ed internazionale. L’idea è quella di sfruttare l’onda lunga del progetto “Make in India” ideato dal premier Narendra Modi.

Inaugurando nel Trade Center della città il primo “Global Investment Meet”, la governatrice Selvi J. Jayalalithaa ha ricordato che già ora il Tamil Nadu è, dopo il Maharashtra, lo Stato che maggiormente contribuisce al Prodotto interno lordo (Pil) indiano. Lo scopo, che per ora rimane solo un’ambizione, è di operare prima o poi un sorpasso grazie al programma “Vision 2023”, da lei messo a punto, che prevede investimenti in infrastrutture, commercio, energie rinnovabili e produzione industriali.

Ciò “porrebbe questo Stato in una traiettoria di crescita ancora superiore a quella attuale, trasferendone i benefici alla gente”, ha dichiarato la governatrice. Ad ascoltare il suo discorso sono intervenuti circa 2.000 rappresentanti del mondo politico, diplomatico, economico e finanziario, fra cui quelli di nove Paesi stranieri (Australia, Canada, Francia, Giappone, Gran Bretagna, Italia, Repubblica di Corea, Russia e Singapore). “Siamo convinti che ce la faremo”, ha concluso, rivelando che “già entro domani sarò in grado di confermare che solo in questi due giorni di conclave si sono concretizzati investimenti per un valore di 14,3 miliardi di euro”.

Il programma dei lavori prevede seminari su aspetti tecnici, economici, territoriali e fiscali riguardanti le aree di investimento, ed altri tematici per Paese, fra cui uno riguardante l’Italia, che sarà introdotto domani dal direttore della Italian Trade Commission (Ice), Amedeo Scarpa. La stessa Ice ha anche allestito uno stand, visitato oggi dall’ambasciatore d’Italia Lorenzo Angeloni, che ospita Sace, Camera di commercio indo-italiana, Bonfiglioli, OLCI Engineering, Lavazza, MGM Varvel, Piaggio Vehicles Pvt, Natuzzi e Fiat Chrysler Automobiles.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.