In arrivo il “royal baby” di Harry e Meghan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00

Royal baby” in arrivo per Harry e Meghan. L'annuncio giunge nel giorno in cui la coppia, seguitissima da paparazzi e fan, è sbarcata in Australia, per un tour di due settimane, in cui presenzieranno agli Invictus Games, i giochi sportivi in 11 specialità per veterani e reduci rimasti feriti in guerra. La nascita avverrà in primavera. 

Sudditi in fermento

Le voci di una gravidanza della duchessa di Sussex si succedevano da settimane e venerdì i “royal watchers” ma anche i milioni di sudditi che, da giorno delle nozze, la seguono adoranti, avevano avuto una robusta conferma dei roumour dal cappottino, coprente e lasciato sbottonato, con cui Meghan si è presentata alle nozze della principessa Eugenia di York. Alla cerimonia Meghan non si è mai tolta il soprabito blue-navy firmato Givency, e oggi, quando è stata fotografata all'aeroporto di Sydney, portava con sé, stretto tra le braccia, due vistose cartelle. Proprio al matrimonio, nel castello di Windsor, della principessa Eugenia, i due hanno dato la notizia alla regina, al principe Carlo e al resto della Famiglia Reale. Kensington Palace ha fatto sapere che la regina è “deliziata” e anche la madre di Meghan, Doria Ragland, ha detto di essere “molto felice” e che attende con impazienza la nascita del suo primo nipote. Non è chiaro invece se sia stato informato anche il padre di Meghan, che nel passato ha dato qualche grattacapo all'attrice, entrata nella Famiglia Reale. 

Il tour

Harry e Meghan cominciano oggi da Sydney il primo impegno internazionale in coppia come rappresentanti di “the firm“, come viene chiamata la Famiglia Reale. Kensington Palace ha detto che non ci saranno “modifiche” al tour che toccherà, oltre all'Australia, Fiji, Tonga e Nuova Zelanda. Unica variante il fatto che Meghan, che dovrebbe aver superato i tre mesi di gestazione, non salirà sul Sydney Harbour Bridge. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.