Imran Khan confermato premier

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:27

Imran Khan è il nuovo premier del Pakistan. Lo ha deciso l'Assemblea nazionale con 176 voti favorevoli (di poco oltre dunque i 172 necessari) contro i 96 del candidato dell'opposizione della Lega musulmana (Plm-N) Shahbaz Sharif. L'ex giocatore di cricket, dunque, assumerà la guida del governo per i prossimi 5 anni, dopo aver ottenuto la maggioranza (anche se non assoluta) delle preferenze alle elezioni del 25 luglio scorso con il suo partito, il Tehreek-e-Insaf. Khan, 65 anni ed ex campione del mondo nel 1992 con la nazionale pakistana ai mondiail di cricket, andrà al timone di un Paese fortemente segnato dalla recente crisi economica e al centro di una forte instabilità interna: Khan ha promesso di creare “un nuovo Pakistan”, ripartendo proprio dall'economia e dalla riduzione dell'inflazione e del debito pubblico.

Inflazione e debito pubblico

Il giuramento è previsto per domani e, subito dopo, inizierà la nuova vita di un uomo che, fino a non molti anni fa, rappresentava sì un'icona per il Pakistan ma perlopiù in ambiti del tutto diversi dalla politica, pur se da anni alla guida del Movimento per la giustizia del Pakistan (da lui fondato nel 1996). Particolarmente impellente la questione del deficit, con gli analisti che – secondo la Bbc – sostengono come lo Stato dovrà rivolgersi al Fondo monetario internazionale per quello che sarebbe il secondo piano di salvataggio dal 2013 a oggi, con conseguenti ripercussioni sul welfare della popolazione. Va ricordato che, nell'ultimo anno, la valuta pakistana ha perso sensibilmente valore, allargando ad ampio raggio le scorie dell'inflazione.

Politica estera

Sul piano della politica estera, all'indomani del voto Khan aveva promesso che, come prima mossa, avrebbe instaurato un rapporto di dialogo con la vicina India per tentare di risolvere la disputa sul territorio del Kashmir. Inoltre, da rivedere saranno anche i rapporti con gli Stati Uniti, vista anche la posizione non proprio favorevole alle misure antiterrorismo applicate dall'amministrazione Trump nei confronti del Paese, a cominciare dall'utilizzo dei droni e dall'indicazione del Pakistan come uno Stato che offre rifugio sicuro ai terroristi dell'Afghanistan.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.