Il killer incriminato con 29 capi di imputazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:23

Si chiama Robert Bowers l'uomo che compiuto la carneficina nella sinagoga di Pittsburgh uccidendo 11 persone e ferendone sei. Ora, il 46enne rischia la pena di morte. Nei suoi confronti sono stati presentati 29 capi di accusa, tra cui quello di crimine d'odio. a parlare di pena di morte per Bowers è stato ieri il ministro della Giustizia americano, Jeff Session: “Tutti gli americani hanno il diritto di frequentare in sicurezza i loro luoghi di culto. Oggi 11 persone innocenti sono state uccise durante un servizio religioso e diversi agenti sono stati feriti. Questi presunti crimini sono riprovevoli e completamente ripugnanti rispetto ai valori di questo Paese”. 

Chi è il killer

Robert Bowers è un'estremista di destra, apertamente antisemita, critico del presidente Donald Trump e avrebbe affermato, in più di un'occasione, che gli ebrei aiutino le carovani di immigrati illegali in sud America. Bowers utilizza frequentemente una piattaforma alternativa a Twitter e Facebook, che sostiene la libertà di parola consentendo di scrivere e leggere messaggi da 300 caratteri. Il sito si chiama Gab.com e il killer lo utilizzava per postare i suoi messaggi antisemiti. Anche se la sua pagina su Gab.com è stata cancellata, i media americani hanno scritto che gli archivi dei suoi post hanno rivelato commenti anti-semiti, fra i quali la scritta “gli ebrei sono figli di satana”. In uno dei suoi ultimi post prima della sparatoria, Bowers avrebbe scritto che alla no-profit Hebrew Immigrant Aid Society “piace portare invasori per uccidere la nostra gente”. 

L'appello del sindaco di Pittsburgh

“Penso che l'approccio che dobbiamo guardare sia come togliamo le armi, che è il denominatore comune di ogni sparatoria di massa in America, dalle mani di coloro che cercano di esprimere l'odio attraverso l'omicidio”, è l'appello che ha lanciato il sindaco di Pittsburgh, Bill Peduto, perché le armi vengano portate via ai potenziali crimini di odio. 

Le reazioni internazionali alla strage

Dopo il presidente Trump, anche i leader dei governi straneri hanno fortemente condannato quello che è stato il più sanguinoso attentato contro la comunità ebraica americana. La cancelliera tedesca Angela Merkel ha denunciato il “cieco odio antisemita”. “Dobbiamo essere tutti determinati contro l'antisemitismo. Da tutte le parti”, ha commentato la leader tedesca. Il presidente francese Emmanuel Macron ha affidato a Twitter per “condannare con forza questo atto di antisemitismo. I miei pensieri per le vittime e il mio sostegno ai loro cari”. Nella giornata di domani, alle ore 19.45, la Comunità ebraica di Roma si raccoglierà in un momento di riflessione e preghiera al Tempio Maggiore in seguito al tragico attentato antisemita alla sinagoga di Pittsburgh. 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.