Il generale Haftar denunciato per crimini di guerra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:50

Il generale Khalifa Haftar è stato denunciato al Tribunale dell'Aja per crimini di guerra e contro l'umanità da un gruppo di avvocati europei. Lo annuncia un comunicato dell'organizzazione “Guernica 37 Ijc“. Lo studio legale precisa di aver depositato un “rapporto d'indagine confidenziale” sull'uomo forte della Cirenaica e protagonista della crisi libica presso l'Ufficio del procuratore della Corte penale internazionale (Icc) con sede in Olanda.

I legali, che sottolineano di agire per conto di vittime del generale, rilanciano “accuse di crimini di guerra e contro l'umanità perpetrate da forze sotto il comando del maresciallo di campo Khalifa Belqasim Haftar”, sottolinea la nota. “Guernica 37 International Justice Chambers”, che almeno come risulta dal sito ww.g37internacional.com ha sede a Londra ed è associata ad analoghe entità a Madrid e Washington nell'ambito dell'associazione “Grupo Guernica”, aggiunge che le accuse “includono, ma non sono limitate a, omicidio, tortura o trattamento disumano” e, fra l'altro, “distruzione di proprietà”.

“Haftar sta usando le sue truppe e quelle di altri gruppi armati per consolidare la propria presa sul potere senza riguardo per gli effetti che ciò possa avere sul paese”, sostengono gli avvocati sempre secondo il comunicato. Sui crimini di guerra commessi da “individui all'interno della catena di comando” del generale esistono “informazioni credibili, corroborate da prove di prima mano“. “Centinaia se non migliaia di civili sono stati uccisi, torturati e sono stati scacciati dalle proprie abitazioni”, sostengono ancora gli avvocati citando anche “testimoni” che avrebbero “visto membri della propria famiglia uccisi”, che “sono stati imprigionati” e “torturati riportando lesioni che hanno cambiato le loro vite”.

Il fatto che i crimini siano stati commessi da forze al comando di Haftar “sembra essere avallato da video” veicolati “su vari media sociali”. Vi sono poi “dichiarazioni pubbliche” del generale e di sue milizie “che confermano il piano operativo di porre aree di Bengasi sotto assedio, di affamare gli abitanti, bombardare in maniera indiscriminata zone civili, arrestare in maniera arbitraria, torturare e giustiziare non-combattenti”, si sostiene ancora nella nota. L'implicito riferimento è operazioni che Haftar ha presentato come una lotta contro jihadisti, il cui orientamento estremista e a volte terrorista è stato confermato anche da media autorevoli. Guernica 37, oltre ad annunciare che continuerà ad indagare su Haftar, sostiene che il generale si è rifiutato di collaborare con l'Icc dell'Aja nell'indagine in corso su Mahmoud Mustafa Busayf Al-Werfalli. Come hanno segnalato media libici la settimana scorsa, si tratta della morte di 36 persone i cui corpi sono stati rivenuti di recente a Bengasi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.