GRECIA: FMI DECIDERA’ IN AUTUNNO SE PARTECIPARE AL SALVATAGGIO DI ATENE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:15

Sembra proprio che Atene non riesca a mettere dei puntelli alla sua situazione. Il Fondo monetario internazionale infatti non deciderà almeno fino all’autunno se partecipare o meno al salvataggio della Grecia. A dirlo è stato il direttore per il Nord Europa del Fmi, lo svedese Thomas Ostros, in un’intervista al quotidiano Dagens Nyether, secondo quanto riporta Reuters nell’edizione internazionale online.

Ostros ha spiegato che all’interno del Fmi “è forte il sostegno per un coinvolgimento nel nuovo programma di aiuti ma per una decisione ci vorrà tempo”, da momento che i colloqui tra Grecia e creditori “proseguono in estate e in autunno, e dunque il board prenderà una decisione in autunno”. Intanto, in avvio di seduta, la Borza di Atene ha aperto in lieve rialzo. L’indice Ase, reduce da tre sedute in calo dopo la riapertura lunedì scorso, ha avviato le contrattazioni in progresso dello 0,34%.

Infatti, i colloqui con la Grecia per il terzo piano di bailout del Paese procedono in maniera soddisfacente, rendendo possibile la chiusura di un accordo in tempi brevi. Lo dice un portavoce della Commissione europea, aggiungendo che domani sera si terrà una teleconferenza dei vice ministri delle Finanze Ue per discutere dell’avanzamento dei negoziati.

La portavoce Mina Andreevna ha confermato che la chiusura dell’accordo tra Atene e i creditori, entro il 20 agosto – data della prossima scadenza de debito greco nei confronti della Bce – resta un obiettivo “possibile”, anche se “ambizioso”. Ha inoltre sottolineato che, dal momento in cui la trattativa con Atene è passata sotto la guida di Commissione, Fmi e Esm, le istituzioni si trovano ora in una posizione migliore rispetto agli esponenti dei governi nazionali, per valutare i progressi del negoziato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.