“Grande giorno, costruiamo il muro”: l’annuncio di Trump su Twitter

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:15

“Grande giorno domani (oggi in Italia, ndr) per la sicurezza nazionale. Tra le tante cose, costruiremo il muro“. E’ con questo tweet, postato sulla piattaforma dei cinguettii, dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Il tweet, dove sembra trasparire tutta l’esultanza del tycoon, arriva quasi come una conferma alle anticipazioni fatte dal New York Times, che nelle prime ore della mattinata aveva anticipato l’intenzione del nuovo presidente di firmare un decreto per sbloccare i fondi necessari per la costruzione del muro al confine con il Messico. Secondo quanto scritto dal Nyt, si suppone che l’annuncio della firma verrà dato nel pomeriggio, quando è prevista una visita di Trump al dipartimento della sicurezza interna.

Il giro di vite contro l’immigrazione clandestina

Inoltre, come scritto dal Washington Post, sembra che il neo presidente coglierà l’occasione anche per firmare ordini che daranno il via a un giro di vite sulle cosiddette “città santuario“, ossia quelle città dove gli amministratori locali si sono rifiutati di consegnare gli immigrati irregolari per l’espulsione. Inoltre, Trump dovrebbe firmare anche una direttiva per bloccare l’arrivo di profughi, non solo dalla Siria ma anche da altri Paesi a maggioranza musulmana.

Gli atri tweet di Trump

Non solo immigrati e muri nei tweet del presidente, ma anche questioni interne al Paese. In un altro messaggio affidato alla piattaforma dei cinguetti, Trump ha dimostrato di tenere sotto controllo anche quello che succede nelle grandi metropoli, come Chicago, negli ultimi tempi al centro di un’ondata di violenza. “Se Chicago non risolve l’orribile carneficina in corso, 228 sparatorie nel 2017 con 42 omicidi (p(più 24% rispetto al 2016), manderò i federali!”. La violenza a Chicago ha raggiunto livelli record. Lo scorso anno si sono registrati 745 omicidi, il 56% in più rispetto al 2015.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.