Gli Usa ripensano ai diritti umani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:26

Una nuova Commissione sui diritti umani per nuovi diritti umani. È quanto ha annunciato il Segretario di Stato, Mike Pompeo, nella giornata di ieri in conferenza stampa. Per Pompeo, l'annuncio dovrebbe sgombrare il campo dai detrattori dell'amministrazione di Donald Trump, che denunciano l'inquilino della Casa Bianca di non tener conto dei diritti umani: “Cosa significa dire che cos'è, in realtà, un diritto umano” ha domandato Pompeo lunedì scorso al Dipartimento di Stato: “Come determiniamo cos'è un diritto umano e dovrebbe essere onorato tale?” ha chiesto: “Parole come 'diritti', che possono essere usate bene o male” ha aggiunto Pompeo. Il diplomatico ha annunciato che il comitato condurrà “uno dei più profondi riesami sui diritti inalienabili dalla Dichiarazione Universale del 1948“.

Nuovi diritti umani

Il segretario di Stato Usa sostiene che la stessa definizione di “diritti umani” oggi è sfocata alla luce delle “gravi violazioni” che impongono gli Stati Uniti a essere vigili affinché lo stesso discorso che gravita sul diritto non venga utilizzato per scopi dubbi. Eppure, alcuni vedono nell'intenzione di istituire la nuova Commissione una minaccia agli stessi diritti che si propone di tutelare. Come il senatore democratico del New Jersey, Robert Menendez, il quale si è interrogato sul perché Pompeo non abbia incluso nella Commissione l'ufficio del Dipartimento di Stato che si concentra sui diritti umani. Altri criticano, invece, i silenzi dell'amministrazione Trump su alcuni episodi di palese violazione, come non aver lasciato dichiarazioni in merito all'uccisione del giornalista Jamal Kashoggi e, più nel dettaglio, il silenzio sulle violazioni dei diritti perpetrate negli Stati Uniti: “Tutta questa storia ha un linguaggio insolito – ha dichiarato Jeremy Kadden, senior advocate che si occupa dei diritti umani negli Usa -. Si vuole ridimensionare la visione dei diritti umani negli Stati Uniti […], creare un divario tra diritti inalienabili e non”. 

Una mossa “logica”

Per molti, invece, la dichiarazione di Pompeo è una buona idea, perché “è logico discutere di come si classificano i diritti e si ordinano” ha dichiarato James Carafano, un membro della Heritage Foundation: “Il motivo per cui si discute di queste cose è anche capire in cosa lo Stato vuole investire” ha detto. Pompeo ha affermato che “La Commissione è composta da esperti in diritti umani, filosofi e attivisti, Repubblicani, Democratici e indipendenti di diversa provenienza e convinzioni che mi forniranno consigli sui diritti umani”, sottolineando che l'organismo avrà il compito di riesaminare le questioni più basilari relative ai diritti umani e offrirà un resoconto aggiornato sul ruolo dei diritti umani nella politica estera a stelle e strisce.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.