Giudice ordina: “Riunire le famiglie di migranti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:59

Trenta giorni di tempo. E' quanto ha dato un giudice della California alle autorità di frontiera degli Stati Uniti per riunire le famiglie separate dopo essere entrate illegalmente dal confine con il Messico. Il giudice ha inoltre precisato che, se i bambini hanno meno di 5 anni, devono essere ricongiunti ai genitori entro 14 giorni dall'ordinanza, rilasciata ieri sera.

L'ordine del giudice di San Diego è stato emesso nell'ambito di una causa intentata dall'American Civil Liberties Union, una ong che difende i diritti civili e le libertà individuali. La causa riguarda una bambina di 7 anni che è stata separata dalla madre congolese e un adolescente di 14 anni che è stato separato dalla madre brasiliana. Il giudice ha anche emesso un'ingiunzione nazionale sulle future separazioni familiari, a meno che il genitore non sia ritenuto inadatto. Sono oltre 2mila i bambini separati dai loro genitori nelle ultime settimane e collocati in rifugi sotto il controllo del governo. Il presidente statunitense Donald Trump la scorsa settimana ha emesso un ordine esecutivo per fermare la separazione delle famiglie e ha detto che i genitori e i figli saranno invece detenuti insieme.

Nelle scorse ore alcuni media hanno annunciato che la first lady Melania Trump avrebbe in programma una seconda visita presso i centri di accoglienza per migranti fermati alla frontiera fra Stati Uniti e Messico. Lo scorso giovedì Melania si è recata a sorpresa in una delle strutture di accoglienza, nella città del Texas di McAllen.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.