Giakarta: proteste per vittoria Widodo, scontri tra polizia e manifestanti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:26

E' di almeno sei morti e circa dueceno feriti il bilancio provvisorio degli scontri, tra polizia e manifestanti, che si sono verificati ieri a tarda serata a Giakarta, in seguito all'ufficializzazione della vittoria di Joko Widodo alle elezioni presidenziali del mese scorso. La notizia è stata resa nota dal governatore della capitale indonesiana, Anies Baswedan. 

Gli scontri

La folla di manifestanti, formata dai sostenitori del candidato sconfitto, Prabowo Subianto, ha dato fuoco a un dormitorio della polizia e ad alcune automobili parcheggiate utilizzando bombe molotov, innescando scontri con le forze dell'ordine, che hanno risposto con lacrimogeni. Secondo la polizia, che nega di aver sparato proiettili, almeno 60 persone sono state arrestate. I tafferugli sono proseguiti per tutta la notte e, solamente in seguito all'arrivo di un contigente di soldati, la situazione si è calmata. 

Social media ko

Nel frattempo, il ministro della sicurezza indonesiano ha annunciato che i social media saranno bloccati, in alcune zone di Giakarta, come misura di prevenzione per le proteste che sono ancora in corso. Alcuni utenti, su Twitter, hanno riportato che Whatsapp, Instagram e Facebook sono già stati bloccati, se non si utilizza una connessione Vpn. 

Le accuse contro Widodo

Widodo, rieletto per il secondo mandato, è stato accusato dal candidato presidenziale sconfitto, l'ex generale Prabowo Subianto, di frode elettorale. Subianto ha annunciato che presenterà un ricorso davanti alla Corte Costituzionale. Widodo si è aggiudicato, nelle elezioni che si sono svolte lo scorso 17 aprile) la vittoria con il 55,5% dei voti, rispetto al 44,5% ottenuto da Prabowo. L'agenzia per la supervisione del processo elettorale ha escluso che vi siano state irregolarità amministrative

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.