Germania, tenta di far esplodere una bomba ai mercatini di Natale: Procura indaga su terrorista 12enne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:51

Si riaccende la paura per i possibili attentati terroristici in Germania dove, secondo quanto rivelato dal settimanale tedesco Focus, lo scorso 26 novembre un 12enne tedesco-iracheno avrebbe tentato di far esplodere una bomba a chiodi nel mercatino di Natale di Ludwigshafen, nel sud ovest del Paese. L’ordigno fortunatamente non sarebbe esploso per un difetto della miccia

Il giovane, indicato come “fortemente radicalizzato” sarebbe stato probabilmente “istigato o guidato” da un “ignoto militante dell’Isis”, scrive Focus. La Procura federale tedesca ha aperto un fascicolo di inchiesta sul tentato attacco. A riferire la notizia della nuova indagine è l’agenzia di stampa Dpa che citando una fonte ufficiale, ha riferito che gli investigatori per motivi di tattica non possono fornire ulteriori informazioni.

Il settimanale ha aggiunto che “già nell’estate scorsa il 12enne avrebbe avuto la tentazione di recarsi in Siria per unirsi all’Isis”, ma sarebbe stato fermato dalle autorità pochi istanti prima della partenza e trasferito in un centro giovanile. Secondo la ricostruzione del settimanale l’attentato sarebbe dovuto avvenire il 26 novembre, vigilia del primo avvento e data di inizio della maggior parte dei mercatini di Natale in Germania, ma fallì “per un difetto della miccia”. L’ordigno artigianale “era nascosto in uno zaino“, che venne poi “ritrovato il 5 dicembre in un cespuglio vicino al Comune di Ludwigshafen da un passante”. Gli artificieri fecero brillare una parte della bomba, conclude Focus. La procura ha specificato che “il minore non è perseguibile” data la sua età e quindi non è stato incriminato e molto probabilmente il suo caso passerà di nuovo ai servizi sociali.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.