Fiori d'arancio in primavera per Harry e Meghan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:03

Un tocco di rosa può bastare per migliorare l'umore di una Gran Bretagna che tra Brexit ed emergenza terrorismo ha ben poco da sorridere. Ben venga, dunque, la notizia del prossimo matrimonio tra il principe Harry (secondogenito di Carlo e Diana) e l'attrice americana Meghan Markle. Il tutto, s'intende, al netto di quella mania gossippara che da sempre manda in visibilio i sudditi di Sua Maestà, specie quando ne sono protagonisti gli inquilini di Buckingham Palace.

Felicitazioni

Ad annunciare il lieto evento è stata la Casa Reale di Londra precisando che i futuri coniugi hanno già ricevuto la “benedizione” di Elisabetta II, oltre a quella dei genitori di Meghan, Thomas Markle e Doria Ragland, i quali hanno hanno augurato “una vita di felicità” ai due. “Siamo felicissimi per Meghan e Harry. Nostra figlia è sempre stata una persona gentile ed amorevole– hanno dichiarato in una nota -. Vederla insieme ad Harry, che ha le stesse qualità è per noi genitori fonte di grande gioia”. Elisabetta e il principe Filippo, da parte loro, si sono detti “lietissimi” per l'annuncio. Nessun accenno alla differenza di età – lei 36 anni, lui 31 – né al fatto che Meghan sia divorziata: un ostacolo insormontabile oltre mezzo secolo fa per la principessa Margaret, sorella della regina, ma considerato ormai da anni come un”tabù rotto” a corte.

Duchessa

Meghan Markle, riferiscono i media britannici, entrerà a far parte formalmente della famiglia Windsor al momento del matrimonio, la cui data esatta sarà annunciata più avanti. Si prevede che la regina possa conferirle il titolo – sempre a nozze avvenute – di “duchessa di Sussex“, e attribuire a Harry quello di duca di Sussex. Kensington Palace, residenza ufficiale attuale del principe, oltre che dei duchi di Cambridge (suo fratello William e la moglie di questi, Kate Middleton), ha frattanto diffuso un messaggio di congratulazioni anche dei genitori dell'attrice. 

Femminista convinta

Occhi castani, capelli scuri, Meghan è una femminista convinta, come ha ribadito durante un discorso alla riunione delle Nazioni Uniti nel 2015. E nello stesso anno, in un articolo di “Elle Uk”, ha parlato apertamente delle difficoltà legate alla sua carriera da attrice “bi-razziale” (come si è più volte autodefinita).”Durante i casting ero bollata come 'etnicamente ambigua'. Non ero abbastanza nera per i ruoli da nera e non abbastanza bianca per i ruoli da bianca – ha detto -. Ero nel mezzo, un camaleonte etnico che non avrebbe mai potuto avere un lavoro“. Il suo impegno per le pari opportunità, scrive la Cnn, è iniziato parecchi anni fa, quando l'attrice, allora 11enne, venne colpita dalla pubblicità di una sapone con uno slogan che suggeriva che le donne stessero in cucina. Meghan si mobilitò: scrisse all'azienda e a Hillary Clinton, allora first lady. Alla fine, la réclame fu cambiata. Da allora, la futura principessa ha sempre continuato a chiedere più partecipazione e rappresenza per le donne in politica. All'inizio di quest'anno, assieme a una settantina di celebrities, tra cui Lady Gaga e Bono, ha firmato una lettera aperta per esortare i leader mondiali ad affrontare la povertà e la disuguaglianza tra i sessi, e nel 2016 è diventata ambasciatrice globale per World Vision, una ong dedita alla lotta contro la povertà nei paesi in via di sviluppo.

Inseparabili

Con Harry la scintilla è scattata l'anno scorso, quando i due si conobbero grazie ad amici in comune. Da allora sono diventati inseparabili. La coppia ha fatto il suo debutto ufficiale agli Invictus Games di Toronto, e poi Meghan è stata presentata anche alla regina, con la quale ha condiviso un tè a palazzo. Sulle pagine di Vanity Fair Meghan ha detto di che lei e il principe sono “davvero felici e innamorati“. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.