Erdogan-Merkel sulla strada del disgelo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:30

Nonostante le “profonde differenze” sulle questioni dello stato di diritto e della libertà di stampa c'è molto “a unireGermania e Turchia. Lo ha detto la cancelliera Angela Merkel durante la conferenza stampa successiva all'incontro con Recep Tayyip Erdogan

Obiettivi comuni

Tra i temi che uniscono i due Paesi, ha osservato il capo del governo tedesco, la lotta contro il terrorismo, la preoccupazione per la situazione in Siria e la questione dei migranti, oltre alla sicurezza dei cittadini turchi in Germania, visti i recenti attacchi ad alcune moschee avvenuti nel Paese. Allo stesso tempo, Merkel si è detta soddisfatta del rilascio dei cittadini tedeschi precedentemente incarcerati e ha chiesto il rilascio di quelli ancora in prigione. “La Germania è interessata a una Turchia economicamente forte“, ha detto la cancelliera, confermando la prossima visita nel paese del ministro dell'Economia tedesco, Peter Altmaier.
Il presidente turco si è detto fiducioso “che le relazioni reciproche si intensificheranno in futuro”. Prima dell'incontro con Merkel, Erdogan aveva visto il presidente della Repubblica federale, Frank Walter Steinmeier nel castello Bellevue. 

Polemiche

La visita di Stato del leader turco è stata preceduta e accompagnata da numerose polemiche e vibranti critiche: diverse le richieste, anche da parte di Amnesty International e di Reporter senza frontiere, di affrontare apertamente il tema della violazione dei diritti umani in Turchia. Ankara, come detto esplicitamente da Erdogan, punta invece ad una “normalizzazione” delle relazioni. Sono oltre tre milioni i turco-tedeschi in Germania: si tratta della più grande comunità di origine straniera presente nella Repubblica federale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.