Elezioni: scende in campo una principessa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:25

Sarà una principessa la principale sfidante del capo della giunta militare, e attuale premier, Prayut Chan-O-Cha, nelle elezioni thailandesi del 24 marzo, le prime dopo il golpe del 2014. 

La mossa

A sorpresa il partito politico Thai Raksa Chart ha annunciato la candidatura della principessa Ubolratana Mahidol, 67 anni, a premier. Attrice e icona di stile, è la sorella maggiore del re Vajiralongkorn e la figlia primogenita del defunto sovrano della Thailandia Bhumibol Adulyadej. Il Thai Raksa Chart fa capo al miliardario ex premier in esilio Thaksin Shinawatra, osteggiato dai militari e dalle elite ma amato dal popolo. Ubolratana è la prima della famiglia reale candidarsi, sebbene abbia perso il suo titolo perché nel 1972 ha sposato un americano dal quale ha poi divorziato ed è tornata in Thailandia.

Il premier

Anche la candidatura a premier di Prayut Chan-O-Cha, leader della giunta militare, è stata annunciata oggi. “Voglio rassicurare sul fatto che non intendo rimanere al potere. Non è facile per me prendere questa decisione…è un momento cruciale per il Paese”, ha dichiarato Prayut Chan-O-Cha con un tono inusualmente conciliatorio.

Rischi

La discesa in campo della principessa rischia di compromettere i piani di successo della giunta che si presenta come alfiere della monarchia. La candidatura di Ubolratana ha creato un terremoto politico, senza precedenti. “Chi si permetterà mai di criticare un primo ministro reale?”, ha detto all'Afp Puangthong Pawakapan, professore di scienze politiche alla Chulalongkorn University. La Thailandia è una monarchia costituzionale da 1932 ma la famiglia reale ha sempre mantenuto una forte influenza e la devozione di milioni di cittadini.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.