Egitto, l’ex rais Mubarak: non ho mai ordinato di uccidere gli studenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08

“Mi aspettavo l’assoluzione, ne ero certo”: ha commentato così Hosni Mubarak, la sentenza emessa oggi che solleva da ogni responsabilità per l’omicidio dei manifestanti nel gennaio 2011, durante una rivolta per chiedere le sue dimissioni. L’ex rais ha parlato alla tv Saba al Balad dalla sua stanza d’ospedale: da mesi, infatti, verte in condizioni di salute precarie.

“Finalmente il verdetto ha provato che non ho commesso reati – ha detto Mubarak dalla struttura sanitaria militare alla periferia sud del Cairo – Avevo fiducia in Dio e nella mia innocenza: non ho mai dato l’ordine di uccidere i manifestanti. Assolutamente no”. Malgrado le assoluzioni, l’ex presidente egiziano resterà nell’ospedale per scontare una pena a tre anni per appropriazione indebita di fondi pubblici.

Dopo l’assoluzione, le autorità del Cairo hanno chiuso l’accesso a piazza Tahrir, il luogo simbolo della rivoluzione della Primavera araba. Lo ha riferito il sito web del quotidiano Al-Ahram, precisando che la decisione è stata presa dopo che si erano diffuse voci di una manifestazione di protesta organizzata nella piazza dai familiari dei dimostranti uccisi dalle forze di sicurezza durante la rivolta.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.