Due giorni di piogge mettono Gaza in ginocchio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:58

La maggior parte dei territori palestinesi sono distrutti dai bombardamenti israeliani della scorsa estate e, come se non bastasse, a creare disagio in queste zone negli ultimi due giorni sono state forti piogge torrenziali, che hanno messo in ginocchio tutta la Striscia.
L’agenzia dell’Onu per i rifugiati, vista la situazione, ha proclamato lo stato d’emergenza. Ma ogni intervento finalizzato a migliorare la situazione è reso pressoché impossibile dalla mancanza di infrastrutture e servizi diretti ai civili: gli interventi militari israeliani, infatti, hanno devastato tutto.

La ricostruzione della Striscia, nonostante gli ultimi negoziati tenutisi in Egitto, non è ancora iniziata. Il rigido inverno si avvicina giorno dopo giorno e le stime affermano che durante l’ultimo conflitto almeno un terzo delle case è stato completamente raso al suolo: in cinquanta giorni di guerra ad esser rimaste senza tetto sono almeno centomila persone.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.