Continua a scorrere sangue in Somalia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:49

Sono almeno una decina i militari caduti in seguito a un attacco sferrato dal gruppo jihadista al Shabaab nei pressi della base militare di Awdhegle, nel sud della Somalia. A riferirlo sono stati gli stessi miliziani, che hanno rivendicato l'attacco, specificando di aver colpito cinquanta militari e perso due affiliati. Secondo l'ufficiale dell'esercito, Hussein Ali, nell'attacco sarebbero rimaste ferite decine di persone, mentre il bilancio delle vittime non è ancora definitivo.

Scontri continui

Non si arrestano le violenze nello Stato, anzi lo scontro tra i fondamentalisti islamici, riuniti sotto l'egida di al Shabaab, e le forze governtive si è acuito, come riferiscono i media locali. Gli attacchi perpetrati dai jihadisti sono spesso condotti facendo uso di autobombe. D'altra parte, come ha riferito il presidente del tribunale militare somalo, Hassan Ali Nur lunedì scorso, nella città di Mogadiscio non mancano esecuizioni di miliziani per mano dei servzizi di sicurezza. Nei confronti dei miliziani catturati, il governo procede con processi sommari e pene di morte. Come riferisce agenzia Nova, “lo scorso dicembre, un doppio attacco a Mogadiscio ha provocato tredici morti e almeno dodici feriti”. Al Shabaab, che ha rivendicato l'attacco, ha di fatto reso noto l'obiettivo dell'attacco dinamitardo, cioè attaccare le forze di sicurezza che proteggevano il palazzo presidenziale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.