COLOMBIA: IL GOVERNO E LE FARC FIRMANO LA PACE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:59

Dopo oltre cinquanta anni di guerre interne che hanno portato alla morte di migliaia di persone, il governo di Bogotà e le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia hanno siglato un accordo di pace che sancisce, così, il più lungo conflitto armato del continente sudamericano.

L’intesa è stata firmata dal presidente del Paese, Juan Manuel Santos, e dal comandante delle Farc, Rodrigo Lodrono, conosciuto anche come Timochenko. Il documento è stato firmato con un “baigrafo£, ossia una pallottola – in spagnolo bala – trasformata in una penna stilografica. Un gesto di alto significato simbolico: quella che era un’arma è diventata uno strumento di pace.

Altri gesti simbolici si sono ripetuti durante la breve cerimonia che si è svolta nel cosiddetto Cortile delle Bandiere di Cartagenas de Indias. Il presidente Santos, accompagnato da due bambini, ha aperto una “porta del futuro”, dalla quale sono passati tutti i negoziatori e i Capi di Stato presenti. Timochenko, invece, ha chiesto perdono a nome delle Farc a tutte “le vittime, per tutto il dolore che abbiamo causato con questa guerra”. Dopo aver dichiarato che l’accordo tra Bogotà e Farc debba essere da esempio per trovare una soluzione a tutti i conflitti del mondo, Timochenko ha lanciato un appello per far sì che vengano avviate delle trattative di pace per porre fine al conflitto in Siria e a quello fra israeliani e palestinesi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.