Clandestini: Trump annuncia il giro di vite

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30

Donald Trump si dice pronto a espellere milioni di immigrati entrati illegalmente negli Stati Uniti con un'operazione che partirà dalla prossima settimana.

Respingimenti

L'annuncio dello stesso presidente americano su Twitter a poche ore dal calcio di inizio della sua campagna elettorale per la rielezione, senza però dettagli su come la stretta sarà portata avanti. L'Ice, la polizia federale che lotta contro l'immigrazione clandestina, comincerà a respingere gli illegali appena entrati nel Paese, scrive Trump, “e la crisi al confine finirà presto“.

Nel cassetto

Nonostante nessun dettaglio sulla stretta annunciata sia stato diffuso molti media americani fanno riferimento a un piano che da tempo è nel cassetto della scrivania dello Studio Ovale, quello che attraverso i blitz degli agenti dell'Ice prevede l'arresto di massa e il rimpatrio forzato di genitori o figli di immigrati entrati illegalmente negli Usa e che vivono nelle principali città americane. Un piano messo a punto da uno dei più influenti consiglieri della Casa Bianca, Stephen Miller, e al quale si era opposta l'ex segretario di stato Kirstjen Nielsen silurata in aprile da Trump. 

La patente

In controtendenza rispetto alla politiche della Casa Bianca, quelle dello Stato di New York, dove il governatore, Andrew Cuomo, ha firmato il “Green Light Bill“, che consentirà agli illegali di ottenere la patente dopo aver superato l'esame di guida senza la necessità di presentare un social security number (codice fiscale in Italia) o un visto dell'immigrazione. La legge è stata approvata proprio mentre il presidente ha annunciato la stretta sui clandestini. L'Empire State non è tuttavia il primo a legalizzare la patente agli immigrati illegali, lo hanno già fatto la California, il Colorado, il Connecticut, il Delaware, le Hawaii, Illinois, il Maryland, il Nuovo Messico, il Nevada, Utah, il Vermont, Washington District of Columbia e Porto Rico 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.