Centri di detenzione: il Nord Africa fa blocco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:10

Algeria e Marocco respingono qualunque proposta di esternalizzazione dei centri di detenzione dei migranti sul proprio territorio.

Algeria

“E' esclusa la creazione di centri di detenzione di migranti in qualsiasi zona del Paese: noi abbiamo lo stesso problema dell'Europa e provvediamo a rimpatriarli nel rispetto degli accordi presi con i Paesi confinanti”, ha dichiarato il ministro degli Esteri algerino, Abdelkader Messahel.”Non mi riguarda direttamente cosa possono fare gli europei per contrastare l'immigrazione ma penso che abbiano le potenzialità e gli strumenti per gestire queste situazioni”, ha aggiunto il ministro

Marocco

Anche il ministro degli Esteri del Marocco, Nasser Bourita, ha respinto qualsiasi iniziativa di questo tipo da parte dell'Unione europea. “Il Marocco respinge e ha sempre rifiutato questo genere di metodi per gestire la questione dei flussi migratori”, ha detto a Rabat dopo aver incontrato il suo omologo spagnolo Josep Borrell.
Bourita ha criticato tali misure come “soluzioni facili” e “controproducenti“. Insieme alla Tunisia e all'Albania, il Marocco è stato uno dei Paesi citati come possibili luoghi di accoglienza dei migranti nei centri di accoglienza extraeuropei, una questione che discussa nel vertice Ue in corso.

La rotta

La Spagna è la terza più grande destinazione per i migranti nell'Ue dopo l'Italia e la Grecia.
I migranti stanno preferendo sempre più la cosiddetta rotta del Mediterraneo occidentale per raggiungere l'Europa, che comporta l'attraversamento del mare tra il Nord Africa e la Spagna continentale meridionale.
Mentre il numero di migranti che tentano di attraversare il Mediterraneo si è dimezzato quest'anno rispetto al 2017, il totale che raggiunge la Spagna è triplicato, secondo l'Organizzazione internazionale per le migrazioni. Circa 12.155 persone sono arrivate in Spagna finora quest'anno, secondo le stime più recenti dell'Oim, e altre 292 sono morte nel tentativo. Complessivamente, quasi 1.000 migranti hanno perso la vita nel Mediterraneo quest'anno, aggiungono. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.