Caso migranti: si dimette Rudd

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:18

Terremoto politico nel Regno Unito. La ministra degli Interni, Amber Rudd, si è dimessa dopo essere stata travolta dallo scandalo delle espulsioni di alcuni migranti provenienti da ex colonie britanniche. 

Generazione Windrush

Si tratta in particolare dalla cosiddetta generazione Windrush, dal nome della nave che nel 1948 portò il primo gruppo di migranti dalle Indie Occidentali per aiutare a ricostruire la Gran Bretagna del dopoguerra, e molti altri seguirono da tutto il Commonwealth. Avevano il diritto legale di rimanere nel Regno Unito con una legge del 1971, ma molti non hanno mai formalizzato il loro status, spesso perché erano bambini che venivano con il passaporto dei loro genitori o dei loro fratelli e quindi non avevano mai fatto domanda per un documento proprio. Negli ultimi anni una repressione governativa contro l'immigrazione irregolare ha riguardato anche molti anziani dalla generazione Windrush: alcuni dei quali hanno perso il lavoro e si sono indebitati tentando di dimostrare il proprio status. 

Ammissione

Rudd ha ammesso di aver “inavvertitamente ingannato” i legislatori in merito agli obiettivi di espulsione. Riferendo in aula aveva dichiarato di non essere stata a conoscenza delle quote di espulsioni annuali decise dal suo ministero. E' stato però poi smentita da alcuni documenti. “Avrei dovuto saperlo e mi assumo la piena responsabilità per il fatto che non è stato cosi'”, ha scritto nella lettera di dimissioni consegnato alla May, ammettendo di aver “inavvertitamente ingannato il comitato ristretto degli affari interni“. 

Tsunami politico

L'uscita di scena di Rudd rappresenta una doccia fredda per Theresa May, che solo venerdì aveva ribadito pubblicamente la sua “piena fiducia” a Rudd. Un inciampo che potrebbe costare molto caro nella prossima tornata delle elezioni locali in programma in tutto il Paese. Il governo ha affrontato crescenti polemiche dopo che è emerso che molti della generazione Windrush, giunta in Gran Bretagna in modo legittimo dopo la seconda guerra mondiale, erano stati erroneamente minacciati di espulsione. Il trattamento derivava da una politica di immigrazione “ostile” avviata proprio da May quando era ministro dell'Interno, dal 2010 al 2016 (Rudd ha poi preso il suo posto). Il partito laburista d'opposizione ha accusato Rudd di incompetenza e ha invitato May a dare “un resoconto completo e onesto su come sia accaduta l'imperdonabile situazione”. Tuttavia la premier britannica prende le difese dell'ormai ex membro del suo governo.

Difesa

Secondo May, la testimonianza di Rud era stata data “in buona fede“, confermando l'intenzione del Paese a rispettare una politica di immigrazione “ferma ma equa“. Pieno sostegno è arrivato anche da altri membri del governo. “Davvero triste perdere Amber Rudd dal Gabinetto, una brava collega che ha fatto un ottimo lavoro durante gli attacchi terroristici dello scorso anno e che si preoccupa profondamente delle persone che serve”, ha twittato il ministro degli Esteri, Boris Johnson. “Il governo è diventato un po' meno umano”, gli ha fatto eco il collega George Osborne, ministro delle Finanze.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.