CASA BIANCA: HILLARY IN GIRO PER L’AMERICA A BORDO DI “SCOOBY DOO”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:01

Hillary Clinton non smette di sorprendere: se da “privata cittadina”è abituata ad un lifestyle tutt’altro che lowcost, utilizzando lussuosi jet privati per raggiungere le università presso le quali tiene discorsi o i vertici dei banchieri – in cui tra l’altro ogni suo intervento viene pagato a peso d’oro, per la sua campagna elettorale ha scelto qualcosa di diverso. Da domenica, come unica candidata alla Casa Bianca si è adattata a qualcosa di più spartano. Oggi ha infatti iniziato il suo tour, quasi porta a porta, in Iowa – il primo Stato dove il 28 gennaio 2016 inizieranno le primarie – a bordo di un pullmino marrone blindatissimo, che lei stessa ha battezzato “Scooby Doo”, perché le ricorda il coloratissimo “Mistery Van” dell’omonima serie di cartoni anni ’70 di Hanna e Barbera.

La strada è lunga: 1.600km da New York, dove vive, fino a Monticello, in Iowa. Tratta per cui ha dovuto trascorrere più di 16 ore, dati i severi limiti di velocità in vigore negli States. Il tutto fa parte della strategia di grande prudenza decisa dal suo super staff. L’obiettivo è quello di scongiurare gli errori commessi nella fallimentare campagna nel 2008, in cui, ostentando troppa sicurezza nei confronti dei rivali, partì male – perse sia l’Iowa che il New Hempshire – per poi finire peggio.

Ma il pullmino di Scooby Doo non sarà solo, a vegliare su di lei restano altri due veicoli del Secret Service: gli agenti che vigilano sui presidenti, sulle loro famiglie ma anche su quelle degli ex e – chissa’ – dei futuri inquilini della Casa Bianca. In rete e su twitter le parodie sono già virali, chissà che questa grande autoironia possa essere davvero la chiave di volta, o della serratura, per arrivare alla Casa Bianca.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.