Carr Fire implacabile: 36mila sfollati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:49

L'incendio che sta devastando una contea a nord della California, causando sinora almeno 6 vittime tra cui due pompieri, è ancora fuori controllo. 

Soccorsi

Finora sono oltre 36 mila le persone che sono state costrette a lasciare le loro case. Migliaia di pompieri hanno lavorato senza sosta domenica ma hanno faticato a contenere i roghi che sono alimentati da condizioni meteorologiche purtroppo molto favorevoli: alimentate da forti venti, alte temperature e un ambiente disidradato, le fiamme si propagano favorite dal clima.

L'incendio

Battezzato Carr Fire, l'incendio localizzato nella contea di Shasta ha già causato la morte di almeno sei persone, tra le quali Melody Bledsoe, 70enne, e i suoi due bisnipoti, James ed Emily Roberts, rispettivamente di 5 e 4 anni appena, sorpresi dalle fiamme giovedì nella loro abitazione. I familiari hanno raccontato che la bambina era riuscita a chiamare i soccorsi, invocando aiuto. Domenica sono state trovati i resti di una persona ancora non identificata vicino a Redding, a circa 370 chilometri a nord di San Francisco, una persona che evidentemente non aveva abbandonato la zona, nonostante l'allerta evacuazione.

Danni

Oltre cinquecento le case o gli edifici distrutti, oltre 100 quelli danneggiati dall'incendio che è cominciato il 23 giugno a causa di un guasto meccanico a un'auto e che poi si è propagato in direzione di Redding. Finora sono stati bruciati più di 36mila ettari e nonostante lo sforzo di 3.400 pompieri e l'utilizzo di 334 pompe antiincendio e sette elicotteri il rogo è stato messo sotto controllo solo in una ridotta zona, il 5 per cento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.