Canada, Trudeau: “Edith Blais? Per quanto ne so è viva”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:05

Per quello che ne so io sì, Edith è viva”. Parole che danno speranza quelle di Justin Trudeau, primo ministro canadese, sulla 34enne Edith Blais, la donna scomparsa il 15 dicembre scorso assieme al suo amico italiano Luca Tacchetto, mentre si trovavano in Burkina Faso. Una vicenda sulla quale non erano arrivati aggiornamenti di sorta finora, lasciando le teorie sulla sparizione dei due ragazzi fortemente in un ambito delle ipotesi. Ora, il primo ministro canadese parla pper la prima volta della vicenda che ha coinvolto la sua connazionale affermando che, da quanto è sempre stato riferito a lui, Edith è viva.

In missione

Della giovane canadese e del suo amico italiano, il 30enne di Vigonza Luca Tacchetto, si erano perse le tracce a metà dicembre, mentre in auto si stavano recando a Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso, a cena da una coppia di conoscenti, incontrata in aeroporto poco tempo prima. Pare che, al momento della scomparsa, i due stessero viaggiando su un'auto con targa italiana: lo scopo del viaggio, come riferito dai familiari di Tacchetto, era il volontariato in Africa. Sembra che Luca, infatti, avesse promesso a un suo amico di aiutarlo nella realizzazione di un progetto umanitario in Togo (la destinazione finale sua e di Edith, il Burkina era solo una tappa del viaggio).

Riserbo

Finora, la famiglia della ragazza aveva mantenuto il più stretto riserbo sulla sua scomparsa: Edith Blais è originaria di Sherbrooke, città nella provincia canadese del Quebec e, secondo quanto riportato, avrebbe conosciuto Luca durante un progetto Erasmus presso un ateneo del Canada. Entrambi avrebbero legato dopo aver condiviso il sogno di fare qualcosa per gli altri e di diventare volontari a scopo umanitario nelle regioni più povere del Continente. Luca ed Edith avevano intrapreso questo viaggio in auto, postando man mano le foto delle varie tappe sui social. L'ultima, un autoscatto nel quale i due apparivano sorridenti, è in breve circolata sul web dopo la notizia della loro scomparsa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.