Cambio al vertice dello Stato maggiore della difesa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:03

Abdel Fattah Al Sisi ha cambiato il capo di Stato maggiore delle Forze armate,Mahmoud Hegazi, sostituendolo con il generale Mohamed Farid Hegazi. Lo riferisce l’agenzia Mena citando la presidenza. L’avvicendamento è stato deciso in una riunione incentrata sugli sviluppi della di sicurezza nel Paese e la caccia a gruppi terroristici“. Mahmoud Hegazi è stato nominato Consigliere della Repubblica per la pianificazione strategica e la gestione delle crisi.

Un cambiamento viene poi segnalato dall’emittente pubblica Nile Tv anche nell’ambito del ministero dell’Interno che ha riguardato il capo della Sicurezza nazionale, il viceministro competente per la sicurezza a Giza, il direttore dell’amministrazione della sicurezza nazionale a Giza e il direttore del dipartimento delle operazioni speciali della Sicurezza centrale. Giza è il governatorato dove due settimana fa è avvenuto un attacco terroristico costatola vita ad almeno 16 uomini della sicurezza.

L’Hegazi rimosso, oltre ad essere un ex-direttore dei servizi segreti militari, è notoriamente un grande amico e consuocero di Sisi. Hegazi era appena stato negli Usa con i quali i rapporti ultimamente sono stati tesi a causa del dossier nordcoreano: come segnalato a inizio mese dal Washington Post, vi erano state proteste americane sull’atteggiamento dell’Egitto nei confronti della Corea del Nord e della sua minaccia nucleare le quali si erano sono poi tradotte nello slittamento degli aiuti statunitensi per 300 milioni di dollari al Cairo deciso dall’amministrazione Trump. A innescare il caso sarebbe stato il sequestro nel Canale di Suez di oltre 30.000 granate con propulsione a razzo a bordo di una nave battente bandiera cambogiana ma con un equipaggio tutto della Corea del Nord e destinate a uomini di affari egiziani, scrisse l’autorevole quotidiano Usa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.