Bruxelles: “Preoccupati per la situazione in Ungheria”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

La Commissione europea ha espresso nuovamente preoccupazione per la situazione dei diritti fondamentali, la corruzione, il trattamento dei rom e l'indipendenza della giustizia, dopo che nel corso degli ultimi giorni migliaia di persone sono scese nelle strade per protestare contro il governo di Viktor Orban.

Proteste

Le manifestazioni riguardano l'adozione di una legge di riforma del mercato del lavoro che è stata soprannominata “legge sulla schiavitù“. Inoltre, il premier è contestato per l'adozione di una mozione in Parlamento volta a introdurre dei tribunali alle dirette dipendenze dell'esecutivo. “La Commissione condivide le preoccupazioni espresse dal rapporto del Parlamento europeo (sull'Ungheria) in particolare per quanto riguarda i diritti fondamentali, la corruzione, il trattamento dei rom e l'indipendenza della giustizia”, ha detto il portavoce dell'esecutivo comunitario, Margaritis Schinas.

La risoluzione

A settembre l'Europarlamento aveva adottato una risoluzione per avviare contro l'Ungheria la procedura prevista dall'articolo 7 del trattato per i Paesi che violano in modo sistematico i diritti fondamentali. “Ora tocca al Consiglio (i governi, ndr) decidere come procedere”, ha aggiunto il portavoce. “La Commissione è pronta a fornire ai ministri tutte le informazioni necessarie. Qui alla Commissione stiamo usando e continueremo a usare gli strumenti che abbiamo a disposizione come guardiano dei trattati” con “una serie di procedure di infrazioni in corso contro l'Ungheria”, ha ricordato Schinas. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.