Brexit: oggi si vota il Johnson deal

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:05

Il destino del Regno Unito in Europa si decide oggi in Parlamento. Seduta straordinaria infatti del Parlamento britannico, riunito di sabato – come in passato avvenuva solo in tempo di guerra –  per votare sull'accordo sul divorzio dall'Ue raggiunto in extremis dal premier conservatore Boris Johnson con Bruxelles. Se il premier Boris Johnson riesce ad ottenere i voti necessari in Parlamento, il suo accordo per la Brexit diventerà legge una volta approvato anche dal Parlamento europeo. 

Il programma

Come ricostruisce Ansa, lo stesso Johnson aprirà la giornata a breve con uno statement, per sollecitare la Camera dei Comuni a dare un via libera al suo deal: la via migliore disponibile, a suo dire, per chiudere la sfida della Brexit e chiuderla il 31 ottobre senz'altri rinvii. Seguirà un primo botta e risposta e quindi il dibattito vero e proprio sull'accordo. Le operazioni di voto sono previste, salvo ritardi, a partire dalle 15.30 ore italiane. Ma prima vi sarà il voto sugli eventuali emendamenti che verranno ammessi dallo speaker John Bercow: uno dei quali – pro rinvio – particolarmente insidioso per il governo. Su Westminster dunque per tutta la giornata saranno puntati i riflettori e quanto accadrà sui banchi parlamentari sarà seguito non solo dal popolo britannico, ma anche dai leader europei, che vorrebbero mettere la parola “fine” a una lunga vicenda che di certo non giova alla causa europea. Intanto per la tarda mattinata è previsto il ritorno in piazza a Londra del popolo del no alla Brexit, che invoca un secondo referendum. Nelle votazioni del 2016, l'uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, fu scelta del 52% dei britannici.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.