Boeing: sotto accusa il capo del Pentagono

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19

Il dipartimento della Difesa ha aperto un'inchiesta sul segretario ad interim Patrick Shanahan, per verificare se abbia violato le norme etiche sponsorizzando il suo ex datore di lavoro, Boeing, mentre lavorava per il governo.

L'indagine

“L'ufficio dell'ispettore generale del Pentagono ha deciso di indagare sulle accuse recenti contro il segretario ad interim Patrick Shananan”, ha reso noto un portavoce del ministero della Difesa in una nota, precisando che il diretto interessato è stato informato e ricordando che in audizione in Congresso si era dichiarato favorevole ad un'inchiesta su queste accuse.

Conflitto d'interessi?

Sono stati gli attivisti di Crew (Citizen for Responsability and Ethics in Washington) a reclamare questa inchiesta anche perché si intensificano le voci sul fatto che il presidente Donald Trump potrebbe confermarlo alla guida del Pentagono. Prima di entrare nell'ammistrazione Usa, Shanahan ha lavorato per 30 anni come contractor di Boeing. Nel bilancio per il 2020 il dipartimento della Difesa ha chiesto che vengano ordinati 8 caccia F-15Xs della Boeing come non avveniva dal 2001. Sembra inoltre che Shanahan abbia duramente criticato la Lockheed Martin, rivale di Boeing, per la gestione del programma degli F-35.

L'audizione

E' stata, intanto, fissata per il prossimo 27 marzo la prima audizione in Congresso sui Boeing 737 Max coinvolti in due diversi fatali incidenti nel giro di pochi mesi. Tra gli altri, saranno ascoltati, dalla sottocommissione Commercio del Senato, l'amministratore dell'autorità Usa sull'aviazione (Faa) Dan Elwell, e l'ispettore generale del ministero dei Trasporti Calvin Scovel. L'audizione è stata richiesta dal senatore del Texas Ted Cruz che ha annunciato, in una nota, un seconda audizione durante la quale saranno ascoltati funzionari della Boeing, piloti e altri rappresentanti dell'industria. Sono oltre 300 i morti nei due incidenti che hanno coinvolto i 737 Max in Indonesia lo scorso ottobre e in Etiopia all'inizio del mese.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.