Blitz al Cairo, arrestato un ex ministro del governo Morsi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00

Sale la tensione in Egitto dopo la richiesta di condanna a morte per l’ex presidente Mohammed Morsi, accusato di spionaggio dalla procura generale. La morsa attorno ai rappresentanti del governo dei Fratelli Musulmani, dichiarato decaduto lo scorso luglio, continua a stringersi. Le forze di sicurezza avrebbero arrestato Mohammed Ali Bashar, ex ministro dei Rapporti con la autorità locali, ed esponente di spicco del partito integralista. Il blitz sarebbe avvenuto all’alba nell’abitazione di Ali Bashar. Secondo il quotidiano al Masry al Youm, questo arresto “dimostra che le autorità del Cairo hanno deciso di inviare un messaggio all’opposizione usando di nuovo il pugno di ferro”.

Il Paese, nel frattempo, torna ad essere scosso dalle bombe. Sei poliziotti, tra cui 4 ufficiali, sono stati feriti stamani in un’esplosione avvenuta nei pressi dell’università di Helwan, a sud del Cairo. Lo ha riferito il portavoce del ministero della salute egiziano. A causare la deflagrazione sarebbe stato un ordigno artigianale lanciato contro la postazione della sicurezza dell’ateneo da un’auto che viaggiava a forte velocità.

Le forze dell’ordine e militari egiziane continuano a essere oggetto di attacchi da parte delle frange estremiste. Lo dimostra anche l’incendio di un garage riservato agli agenti di polizia avvenuto  nella parte sud-occidentale della capitale. Un autocarro è andato distrutto. Le violenze sono iniziate dopo la deposizione di Morsi.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.