Black-out totale: Argentina e Uruguay al buio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:25

Cinquanta milioni di persone senza luci e senza tutto quello che dalla corrente elettrica deriva: quasi completamente al buio tre Paesi dell'America latina, Argentina e Uruguay su tutti, ma anche Paraguay, Brasile, Bolivia, Cile e Perù sono stati colpiti dall'incredibile blocco dell'energia. Lo ha riferito la società Edesur Argentina, una delle principali del Paese, secondo la quale tutto sarebbe iniziato a partire dalle 7 di mattina (le 12 in Italia), mandando in tilt luce nelle case, tram elettrici e segnaletica stradale, di fatto paralizzando le città, anche quelle che, questa mattina, avrebbero dovuto votare per le elezioni locali. Quasi completamente al buio l'Argentina, con le province di Santa Fe, San Luis, Formosa, La Rioja, Chubut, Cordoba e Mendoza senza corrente, compresa la capitale Buenos Aires. Al momento non si hanno ulteriori notizie circa il guasto ma, secondo quanto riferito dalla società, la sua sistemazione potrebbe richiedere alcune ore: “Il sistema generale sarà ripristinato nel giro di qualche ora. Ci vorranno 4-5 ore perché c’è una questione di manovre nel cablaggio ad alta tensione”.

Il precedente di Venezuela

Situazione molto simile a quella che, nel mese di marzo, si era materializzata in Venezuela, con la capitale Caracas finita al buio più completo in un periodo peraltro molto complicato per le forti intemperanze politiche che stavano caratterizzando il Paese dell'America latina, tanto è vero che le autorità avevano avanzato le ipotesi di un sabotaggio. Oltre a Caracas, anche altre regioni erano rimaste al buio per diversi giorni, aumentando in modo esponenziale le difficoltà di un Paese già particolarmente provato dalla instabilità politica generata dal contrasto al presidente Maduro guidato dall'autoprocalmato presidente ad interim Juan Guaidò.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.