Bemba candidato alle presidenziali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:11

Riabilitato dalla Corte penale internazionale, che lo ha assolto delle accuse di crimini contro l'umanità, l'ex vicepresidente congolese Jean-Pierre Bamba ha annunciato la sua candidatura alle presidenziali della Repubblica Democratica del Congo. 

In corsa

Scortato dalla polizia, Bemba ha formalizzato a Kinshasa la sua intenzione di correre per la presidenza il prossimo 23 dicembre. Il candidato del movimento di opposizione per la Liberazione del Congo (Mlc) è arrivato ieri nella Rdc, dove è stato accolto da migliaia di sostenitori, dopo aver trascorso un decennio detenuto a L'Aia. Bemba è stato eletto il 13 luglio in un congresso del Mlc a Kinshasa come candidato alle elezioni, e ha annunciato la scorsa settimana che sarebbe tornato nel suo Paese con “occhi sul futuro” e non nel passato. Il presidente Joseph Kabila, al potere dopo l'assassinio di suo padre Laurent nel 2001, non potrebbe correre per il terzo mandato, anche se non ha confermato ufficialmente che non si ricandiderà. 

Il processo

Bemba era stato condannato a 18 anni di carcere nel 2016 in qualità di comandante delle forze Mlc che nel 2002 hanno commesso crimini contro la popolazione in seguito ad un colpo di Stato. L'8 giugno, il tribunale d'appello ha concluso che in primo grado erano stati commessi “numerosi errori” quando il tribunale ha stabilito che il convenuto non aveva adottato misure sufficienti per prevenire o punire i crimini dei suoi subordinati.

Rivale

Il politico è stato uno dei quattro vicepresidenti del governo di transizione che ha guidato la Rdc da luglio 2003 a dicembre 2006. Alle elezioni presidenziali del 2006, Bemba fu sconfitto da Kabila, e definì il risultato come fraudolento. Dopo aver subito due tentativi di assassinio, è fuggito dal suo Paese nel 2007 e nel 2008 è stato arrestato nei pressi di Bruxelles e messo a disposizione della Corte dell'Aia. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.