BATTAGLIA DI CAMERON CONTRO I MIGRANTI IRREGOLARI: “5 ANNI DI CARCERE PER CHI AFFITTA CASA A CLANDESTINI”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:15

Prosegue la battaglia del governo inglese di David Cameron contro gli immigrati irregolari. A Londra, infatti, è stata proposta una legge che permetterà ai proprietari di una casa di sfrattare gli inquilini clandestini senza che ci sia bisogno di attendere l’ordine di un giudice. La nuova legge, che dovrebbe essere approvata nei prossimi mesi, inoltre prevede la reclusione per 5 anni contro gli affittuari che ospitano consapevolmente le persone senza un regolare permesso di soggiorno nelle proprie abitazioni.

Con ogni probabilità la legge è una risposta alla situazione che si è venuta a creare a Calais, al confine con la Francia, che sembra ingestibile. Il governo di Parigi, infatti, fatica a controllare le migliaia di migranti che occupano le strade che conducono all’Eurotunnel e il porto di Calais. La posizione del governo Cameron si è fatta ancora più netta da quando, pochi giorni fa, alcune centinaia di migranti sono riusciti ad attraversare il tunnel della Manica nascosti sotto a un tir. L’ultimo episodio, uguale a molti altri precedenti, ha portato il primo ministro a prendere delle contromisure per arginare il fenomeno.

Tolleranza zero, dunque, promossa dal partito conservatore, che ha annunciato di voler incrementare, ulteriormente e a breve, il numero degli agenti di sicurezza e di cani addestrati nell’area adiacente al confine. Inoltre Cameron finanzierà la costruzione di nuove barriere di protezione per le aree di sosta dei tir, dove attualmente ci sarebbero cinquemila migranti accampati, pronti a tentare l’ingresso nell’Eurotunnel. Di questi, mille sono stati respinti dalle forze di sicurezza, mentre altri 700 sono stati intercettati già all’interno del passaggio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.