Australia, allarme nelle università: metà degli studenti ha subito molestie sessuali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:25

Più della metà degli studenti universitari in Australia nel 2016 ha subito molestie o abusi sessuali. I dati allarmanti sono contenuti in una ricerca condotta su circa 31 mila studenti in 39 atenei dalla Commissione Diritti Umani. Le molestie sessuali sono state registrate nel percorso da casa alle facoltà, nei campus, in particolare nei collegi residenziali, e durante eventi. Sono considerate molestie gli sguardi troppo intensi, le battute allusive, domande insistenti sul privato, richieste di appuntamenti, pressioni per compiere atti sessuali, atti di esibizionismo e regali.

Lo studio sottolinea che le donne sono vittime di molestie sessuali in misura sproporzionatamente superiore agli uomini. In base al documento non è stato denunciato il 94% delle molestie subite, e l’84% degli gli abusi sessuali, che includono stupro e ogni altra forma di coercizione a compiere atti sessuali contro la propria volontà.

Il rapporto contiene 18 raccomandazioni, fra cui lo sviluppo di politiche di risposta che definiscano chiaramente le condotte che costituiscono aggressione e molestie sessuali, meccanismi di sostegno per ottenere un coinvolgimento sostanziale degli studenti, la creazione di servizi integrati di supporto nei campus in cui ci siano medici, consultori e servizi di supporto alle vittime di violenze sessuali.

Kate Jenkins, commissario antidiscriminazione sessuale, ha definito i dati “inquietanti e allarmanti“, aggiungendo che “le università devono fare di più per prevenire abusi e per costruire una cultura di rispetto. La presidente del gruppo di rappresentanza “Universities Australia” che ha commissionato il rapporto, Margaret Gardner, ha presentato scuse formali alle vittime. “Siamo veramente dispiaciuti per ciò che vi è accaduto; gli abusi sessuali sono un reato e devono essere puniti“, ha detto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.