Attentato kamikaze a Basilan: 10 morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:14

E' di 10 morti e 5 feriti il bilancio di attacco con autobomba a Basilan, un'isoletta nel sud delle Filippine. Tra le vittime anche un bambino. 

L'attacco

Le autorità locali attribuiscono l'attacco al gruppo islamista Abu Sayyaf. L'attentato questa notte nei pressi di una base militare a Lamitan, capoluogo di Basilan, quando un terrorista suicida ha fatto esplodere il furgoncino che stava guidando, come conferma il portavoce dell'esercito colonnello Edgard Arevalo. I morti sono un soldato, cinque membri delle forze armate dei cittadini (Cafgu in inglese) e quattro civili, familiari membri di persone che vivono e operano nella base. 

Sospetti

Il colonnello Arevalo ha osservato che l'indagine su ciò che è accaduto è ancora in corso e ha rifiutato di riferirsi all'incidente come un “attacco terroristico” o attribuirlo a un gruppo specifico. Tuttavia, il governatore della provincia di Basilan, Jim Saliman, è sicuro che dietro l'attacco vi sia Abu Sayyaf, che giurato fedeltà al sedicente Stato Islamico

Le indagini

L'esplosione della bomba, collocata in un furgone, a un posto di blocco militare all'ingresso di un campo in Lamitan, quando un conducente suicida ha fatto esplodere il veicolo, secondo quanto riferito dalla polizia e l'esercito. I militari al posto di blocco hanno chiesto rinforzi perché il conducente si comportava in modo strano, ma la bomba è esplosa prima del loro arrivo. “Le autorità stanno indagando sull'incidente, ma promettiamo di fare tutto il possibile affinché i responsabili di questo sfacciato attacco siano assicurati alla giustizia“, ha detto il portavoce presidenziale Harry Roque in una conferenza stampa. L'attacco arriva a meno di una settimana dopo che il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, ha firmato giovedi scorso una legge che estende l'autonomia della regione a maggioranza musulmana nel sud, a Basilan, e mira a risolvere pace in quell'area in cui operano diversi gruppi ribelli. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.