Altri 25 anni di Guantanamo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:15

La prigione di Guantanamo resterà aperta per almeno altri 25 anni. Lo ha detto l'ammiraglio John Ring, capo della Joint Task Force del centro detentivo cubano, dove sono internati numerosi terroristi considerati responsabili, fra le altre cose, degli attacchi dell'11 settembre 2001

Da Obama a Trump

“Il Pentagono ci ha inviato un promemoria: il programma continua” ha spiegato l'ufficiale nel corso di un briefing con i giornalisti organizzato per smentire le voci su presunti trattamenti disumani subiti dai prigionieri. Va, dunque, in soffitta il progetto di Barack Obama, che aveva disposto la chiusura di una struttura ampiamente criticata a livello internazionale. Donald Trump, lo scorso gennaio, ha firmato un ordine esecutivo che ribaltava la decisione del suo predecessore, aprendo a una prosecuzione dell'attività di Guantanamo. 

Presunte torture

Tra le numerose voci che negli anni si sono levate contro il centro detentivo c'è anche quella di Nils Melser, relatore speciale dell'Onu sulla tortura, che lo scorso dicembre aveva sottolineato come numerosi rapporti evidenziassero espisodi di maltrattamento nei confronti di almeno un detenuto. Si tratterebbe di Ammar al-Baluchi, uno dei presunti organizzatori degli attentati del 2001, che sarebbe stato torturato mediante l'esposizione a rumori e vibrazioni. Melezer aveva anche espresso preoccupazione per quei prigionieri tenuti in condizioni di isolamento per lunghi periodi

La prigione

Il campo di prigionia venne edificato in fretta e furia dai militari Usa su ordine di George W. Bush a fine 2001, mentre era in corso la guerra in Afghanistan. Nel corso degli anni Guantanamo ha “ospitato” circa 780 persone, tutte accusate di legami con Al-Qaeda o con i talebani. Centinaia di detenuti sono stati rilasciati negli anni e oggi ne rimangono solo 40. Il più noto a essere passato per Guantanamo è Khalid Sheikh Mohammed, imputato per l'11 settembre. Altri sono in attesa di processo.  Durante la sua campagna elettorale, Trump ha promesso di riempire la prigione di “ragazzi cattivi” e ha assicurato che eventuali miliziani dell'Isis sarebbero stati destinati lì. Di fatto, dal 2008, nessun prigioniero è stato trasferito a Guantanamo e Ring ha precisato che “al momento non ci sono indicazioni” di nuovi arrivi. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.