Allarme dell’Interpol: jihadisti in Siria con navi da crociera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:40

Il fenomeno dei “foreign fighters”, aspiranti jihadisti provenienti soprattutto da Nord America ed Europa con l’intento di combattere per il Califfato di al-Baghdadi, sta diventando incontrollabile. Paesi come la Turchia hanno rafforzato i controlli presso aeroporti e stazioni di bus e treni, e per questo i futuri combattenti, per raggiungere i militanti in Siria e Iraq, si stanno affidando alle navi da crociera dirette in Turchia.

A lanciare l’allarme è il numero uno dell’Interpol, l’americano Ronald Noble, intervistato dall’Associated Press. Senza sbilanciarsi sul numero esatto di persone che stanno superando i confini della Turchia per poi raggiungere gli Stati limitrofi, lo studioso lancia un appello ai Paesi e alle compagnie di navigazione, incitando a rafforzare i controlli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.