ALEPPO: I RIBELLI FANNO ESPLODERE UN TUNNEL, UCCISI 38 SOLDATI DI ASSAD

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:10

Una quarantina di soldati dell’esercito di Bashar al-Assad e i combattenti filogovernativi sono rimasti uccisi dopo che i ribelli hanno fatto esplodere un tunnel nella zona di Aleppo in mano al regime di Damasco. Lo denunciano gli attivisti dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, spiegando che almeno 38 uomini che combattono per Damasco hanno perso la vita nell’esplosione. La deflagrazione ha causato la distruzione di un edificio usato dal governo nella città vecchia di Aleppo.

Prosegue, intanto, l’azione di sostegno nei confronti del regime da parte dell’aviazione russa. Secondo il Wall Street Journal nel corso dei raid sarebbe stato colpito un avamposto dei miliziani dell’opposizione usato anche dalle forze speciali americane e britanniche. Mosca ha spiegato che la “coalizione internazionale anti-Isis era stata avvertita in anticipo che le forze aerospaziali russe avrebbero bombardato quell’area” e inoltre quel sito non era elencato dalle forze armate Usa come zona di operazione dei miliziani dell’opposizione siriana che hanno aderito alla tregua.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.